RUBRICHE
Aborto e contraccezione (60)

Antilingua (1)

Commenti (19)

Educazione sessuale - gender (37)

Eugenetica e sterilizzazione (3)

Eutanasia (20)

Famiglia (20)

Fecondazione artificiale (23)

Nascita: il miracolo (1)

Pedofilia ed abusi (3)

Testimonianze (6)

Vita agli inizi (3)

 
ARCHIVIO
Agosto 2016

Marzo 2016

Febbraio 2016

Gennaio 2016

Dicembre 2015

Novembre 2015

Ottobre 2015

Settembre 2015

Agosto 2015

Luglio 2015

Giugno 2015

Maggio 2015

Aprile 2015

Marzo 2015

Febbraio 2015

Gennaio 2015

Dicembre 2014

Novembre 2014

Ottobre 2014

Agosto 2014

Luglio 2014

Giugno 2014

Maggio 2014

Aprile 2014

Marzo 2014

Febbraio 2014

Gennaio 2014

Ottobre 2013

Luglio 2013

Giugno 2013

Maggio 2013

Aprile 2013

Marzo 2013

Febbraio 2013

Dicembre 2012

Novembre 2012

Ottobre 2012

Settembre 2012

Agosto 2012

Luglio 2012

Giugno 2012

Maggio 2012

Aprile 2012

Marzo 2012

Febbraio 2012

Gennaio 2012

Dicembre 2011

Novembre 2011

Ottobre 2011

Luglio 2011

Giugno 2011

Febbraio 2011

 

UTERO IN AFFITTO - UN ESEMPIO



DOWNLOAD: 2015-11-25_Utero_affittato_esempio.pdf


In allegato vi riportiamo un esempio di applicazione della pratica dell'utero in affitto e dei suoi esiti. E' un breve trafiletto, leggetelo, poi proseguite la lettura.
Direte: si tratta di un caso estremo? Pensate davvero che sia così?
Pensateci bene: dove sta la radice del male? Anzi, ancora a monte: è un bene o un male quello che è accaduto? E se è un male, è un prezzo inevitabile da pagare alla modernità o ci sono delle ragioni lontane?
Proviamo a fare delle ipotesi: la causa è la precarietà dei rapporti interpersonali. Colpa quindi dei 2 soggetti che hanno poi litigato. Colpa loro. E la società in quanto tale non ha responsabilità.
Oppure: la causa è del giudice, brutto cattivo, che ha applicato la legge in modo indebito.
Colpa sua. E la società in quanto tale non ha responsabilità.
Potremmo continuare. Invece proponiamo un'altra chiave di lettura, che va alla radice della questione: non è che forse l'errore sta nel fatto che quando quel cucciolo d'uomo si trova in una provetta in realtà si trova nel posto più sbagliato? E nel fatto che è stato prodotto come se fosse una scatoletta di tonno? Il vulnus, dunque, sta nella radicale inaccettabilità delle leggi che consentono di produrre l'uomo invece che di generarlo con un gesto d'amore, come dettano natura e buonsenso, e come sempre è avvenuto.







25/11/2015





Vedi anche
25/03/2016 BAMBINI COMPRATI

25/07/2015 AVANTI LA PEDOFILIA

25/03/2015 MATERNITA' SURROGATA O SCHIAVISMO MODERNO?

25/03/2016 BAMBINI IN MULTIPROPRIETA'

25/02/2015 MAMMA-NONNA


I contenuti di questo sito non hanno carattere di periodicità e non rappresentano 'prodotto editoriale'.


Movimento
per la Vita