RUBRICHE
Aborto e contraccezione (60)

Antilingua (1)

Commenti (19)

Educazione sessuale - gender (37)

Eugenetica e sterilizzazione (3)

Eutanasia (20)

Famiglia (20)

Fecondazione artificiale (23)

Nascita: il miracolo (1)

Pedofilia ed abusi (3)

Testimonianze (6)

Vita agli inizi (3)

 
ARCHIVIO
Agosto 2016

Marzo 2016

Febbraio 2016

Gennaio 2016

Dicembre 2015

Novembre 2015

Ottobre 2015

Settembre 2015

Agosto 2015

Luglio 2015

Giugno 2015

Maggio 2015

Aprile 2015

Marzo 2015

Febbraio 2015

Gennaio 2015

Dicembre 2014

Novembre 2014

Ottobre 2014

Agosto 2014

Luglio 2014

Giugno 2014

Maggio 2014

Aprile 2014

Marzo 2014

Febbraio 2014

Gennaio 2014

Ottobre 2013

Luglio 2013

Giugno 2013

Maggio 2013

Aprile 2013

Marzo 2013

Febbraio 2013

Dicembre 2012

Novembre 2012

Ottobre 2012

Settembre 2012

Agosto 2012

Luglio 2012

Giugno 2012

Maggio 2012

Aprile 2012

Marzo 2012

Febbraio 2012

Gennaio 2012

Dicembre 2011

Novembre 2011

Ottobre 2011

Luglio 2011

Giugno 2011

Febbraio 2011

 

LA VITTORIA DANESE SUI DOWN


In Danimarca entro il 2030 eliminata la malattia. Anzi, i malati.


DOWNLOAD: 2012-01-05_Vittoria_danese_sui_down.pdf


Che la ricerca medica cerchi di sconfiggere le malattie, qualunque esse siano, è un fatto necessario e che dà ad ognuno la speranza di un futuro migliore anche quando fosse in difficoltà.
Il progetto danese di sconfiggere in tempi stretti la malattia della sindrome di Down, però, bisogna ammettere che è tanto ambizioso quanto "originale". C'è da rabbrividire, anche solo ascoltando il tono trionfalistico dell'annuncio proprio da parte di alcuni di coloro (i medici) cui è affidata la vita e la salute di ciascuno di noi.
Purtroppo non ci vuole una grande conoscenza medica né una fervida immaginazione per pensare quali possono essere le modalità di questa svolta epocale nella lotta alla malattia. L’eliminazione equivale ovviamente all’eliminazione degli esseri umani in gestazione affetti, in alcuni rilevanti casi solo presuntivamente, da sindrome di Down.
L'articolo allegato è da non perdere perché spiega cosa è accaduto e pone delle provocazioni molto interessanti, che sollecitano la coscienza di ognuno di noi.
La società occidentale ha inventato forme novecentesche di eugenetica democratica, ha obiettato orripilata a quella nazista, ma ora si è pentita dell’obiezione. In modo tanto sorprendente quanto paradossale, dopo aver cancellato dal panorama giuridico e culturale la presenza di Dio, sul quale solo si fonda solidamente la dignità dell'uomo (di ciascun uomo), la post-modernità rischia di produrre obbrobri che nulla dovrebbero avere a che fare con la civiltà. Ironia della sorte: proprio nell'atto di "costruire" l'uomo perfetto.


04/01/2012





Vedi anche
04/11/2011 SENTENZA SALVA-FAMIGLIA

04/01/2016 FIGLIO PERFETTO O TI DENUNCIO

04/02/2014 A LEZIONE DALLA RUSSIA?

04/11/2012 EUGENETICA E CORTE DI CASSAZIONE

04/07/2013 DAL RELATIVISMO ALL'OPPRESSIONE DELLA LIBERTA'


I contenuti di questo sito non hanno carattere di periodicità e non rappresentano 'prodotto editoriale'.


Movimento
per la Vita