RUBRICHE
Aborto e contraccezione (60)

Antilingua (1)

Commenti (19)

Educazione sessuale - gender (37)

Eugenetica e sterilizzazione (3)

Eutanasia (20)

Famiglia (20)

Fecondazione artificiale (23)

Nascita: il miracolo (1)

Pedofilia ed abusi (3)

Testimonianze (6)

Vita agli inizi (3)

 
ARCHIVIO
Agosto 2016

Marzo 2016

Febbraio 2016

Gennaio 2016

Dicembre 2015

Novembre 2015

Ottobre 2015

Settembre 2015

Agosto 2015

Luglio 2015

Giugno 2015

Maggio 2015

Aprile 2015

Marzo 2015

Febbraio 2015

Gennaio 2015

Dicembre 2014

Novembre 2014

Ottobre 2014

Agosto 2014

Luglio 2014

Giugno 2014

Maggio 2014

Aprile 2014

Marzo 2014

Febbraio 2014

Gennaio 2014

Ottobre 2013

Luglio 2013

Giugno 2013

Maggio 2013

Aprile 2013

Marzo 2013

Febbraio 2013

Dicembre 2012

Novembre 2012

Ottobre 2012

Settembre 2012

Agosto 2012

Luglio 2012

Giugno 2012

Maggio 2012

Aprile 2012

Marzo 2012

Febbraio 2012

Gennaio 2012

Dicembre 2011

Novembre 2011

Ottobre 2011

Luglio 2011

Giugno 2011

Febbraio 2011

 

CAVIE UMANE



DOWNLOAD: 2012-04-05_Cavie_umane.pdf


Chi s'accontenta gode. Il proverbio, però, si applica ad un soggetto che, coscientemente, per limiti propri o esterni a sé, si rende conto di non poter raggiungere un obiettivo prefissato, e decide quindi per sé di abbassare l'asticella della propria aspettativa.
Qui siamo di fronte a qualcosa di radicalmente diverso. Il caso, meglio descritto nell'allegato, riguarda l'uso (!) di embrioni (traduciamo: esseri umani) per scopi "scientifici", in pratica trasformati in vere e proprie cavie. A loro insaputa, naturalmente.
Fra le mille cose che potremmo dire riguarda a questo orrore, ne scegliamo solo alcune. Ci fa impressione apprendere che, a detta degli stessi promotori del progetto, verrebbero utilizzati (!) solo alcuni embrioni, in particolare "i figli di coppie che hanno già avuto il loro figlio tramite fivet e che non sanno cosa farsene di questi altri". Ma che buon cuore! Del resto, sapete, sarebbero comunque destinati alla morte, ed allora tanto vale che possano portare ad un bene per tutta la collettività. Ma che benefattori dell'umanità! E tutto è ancora più antipatico perché ammantato di nobili scopi con una spruzzata di buonismo peloso.
Vi confessiamo che ci si gela il sangue. E' veramente sconvolgente la coscienza (?) con cui questi genitori vivono la loro vicenda personale; nella più grande carità che vogliamo avere verso ciascuno di essi, non possiamo tacere il giudizio sul fatto in sé, ponendo loro alcune domande:
- che fine ha fatto in voi la consapevolezza che ognuno di quegli embrioni è vostro figlio?
- Vi rendete conto di caricarvi sulle spalle una enorme responsabilità, scegliendo dapprima di crearli e poi di annientarli come se fossero mosche?
- Uccidereste vostro figlio di 10 anni per curare una malattia di cui è affetta l'umanità?
- Infine, pensate di poter condividere questa responsabilità con altri, almeno alla pari? Ma se non vi preoccupate voi dei vostri figli, chi volete che se ne faccia carico? Il tecnico di laboratorio? La società?
Questi genitori non donano i propri figli per la ricerca scientifica: essi non sono considerati figli, ma oggetti! Si può donare solo ciò che ci appartiene: qui i genitori, semplicemente, scelgono per conto di altri.
Qualcuno dice: è il male minore. A forza di abbassare il target siamo disposti a tutto. L'unica cosa seria che possiamo dire è che tutto ciò resta un male, anzi, un obbrobrio, un insulto alla ragione ed all'amore, e che si tratta semplicemente della soppressione, volontaria e premeditata, di vite umane. E non sono morti qualunque, ma morti di figli ad opera dei genitori.
Perché quando gli esseri umani in fase embrionale vengono creati, già in partenza sono in un certo numero destinati ad "avanzare". I malcapitati non potranno mai più essere impiantati nell'utero materno, e non si saprà più cosa farne. Ecco perché a quel punto i buoi sono già fuori dalla stalla. E chiudere la porta non serve più a nulla.


05/04/2012





Vedi anche
05/04/2012 ERANO 94, ERANO GIOVANI E FORTI, E SONO MORTI

05/10/2011 CAVIE UMANE, GATTI ED ANIMALISMO

05/11/2011 LEGGE 40 E NUOVE LINEE-GUIDA

05/11/2014 BAMBINI O CAVIE

05/10/2011 L'EMBRIONE NON SI PUO' USARE PER SOLDI


I contenuti di questo sito non hanno carattere di periodicità e non rappresentano 'prodotto editoriale'.


Movimento
per la Vita